Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Poli: suono della campanella il 21 settembre


Lo slittamento sarebbe dovuto alla mancata consegna all’Istituto Comprensivo di alcuni dispositivi di sicurezza previsti dalle normative anti Covid

Slitta a lunedì 21 settembre l’apertura delle scuole a Poli. La decisione è maturata dopo che il Dr. Giovanni Luca Russo, neo-dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo di Gallicano nel Lazio, in una lettera indirizzata al Sindaco di Poli Federico Mariani, ha espresso forti perplessità sulla ripresa dell’attività didattica per il prossimo 14 settembre.

“Tenuto conto delle difficoltà che nel nostro Istituto ad oggi si stanno palesando riguardo ai tempi tecnici per la riapertura – scrive il preside – allo scopo di poter organizzare le attività didattiche nel rispetto di quanto previsto dalle normative vigenti e in condizioni di totale sicurezza per tutta l’utenza, si chiede di posticipare l’inizio delle medesime al giorno 21 settembre 2020”.

Le ragioni sono da ricondurre principalmente alla mancata consegna all’Istituto Comprensivo di alcuni dispositivi di sicurezza previsti dalle normative anti Covid.

Richiesta prontamente accolta dal primo cittadino, che sta predisponendo l’ordinanza di rinvio. “Abbiamo preso questa decisione – chiarisce Mariani – perché tanti sono gli aspetti che devono essere messi a punto per dare più sicurezza ai nostri ragazzi, al personale scolastico e agli insegnanti. E’ nostro dovere tutelare la salute pubblica e mantenere in sicurezza l’intera cittadinanza”.

Decisione, inoltre, che rispecchia le posizioni manifestate dai sindaci di Palestrina, Zagarolo, Cave, San Cesareo, Gallicano nel Lazio, Castel San Pietro Romano, Capranica Prenestina, Rocca di Cave e Poli in un comunicato congiunto.
“Sulla base della richiesta dei Dirigenti Scolastici – si legge nella nota – valutati gli impedimenti oggettivi in ordine alla sicurezza e allo svolgimento delle consultazioni elettorali che interessano molte scuole” è stata predisposta una riapertura differenziata degli istituti scolastici sul territorio prenestino.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: