Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer vitae adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget ut, dolor. Aenean massa. Cum sociis pretium qui asem. Nulla consequat massa quis.

Post più letti

Iscriviti alla newsletter
[contact-form-7 404 "Non trovato"]

Restano disperate le condizioni del piccolo aggredito da una scrofa a Corcolle. Il papà: così l’ho salvato

Restano critiche le condizioni del bambino di due anni ferito domenica e arrivato in eliambulanza all’ospedale pediatrico Bambino Gesù, in seguito all’incidente presso un allevamento a Corcolle, in via Lunano.

Il bimbo è ricoverato presso l’area rossa del Dipartimento di Emergenza e Accettazione “con supporto rianimatorio intensivo, finalizzato al controllo del rischio infettivo – elevato per la tipologia dell’evento traumatico – nonché al supporto delle funzioni vitali”, fanno sapere i medici.  

Arrivato in ospedale in condizioni gravissime, è stato subito intubato in stato di incoscienza. Il quadro clinico, fin dalle prime ore, è apparso disperato. Il bimbo presentava lesioni traumatiche multiple, in particolare a livello del viso e del collo, così stato necessario stabilizzarlo ed eseguire procedure chirurgiche in sala operatoria.

“Abbiamo sentito le urla. Siamo corsi e siamo riusciti a portar via mio figlio da lì”, avrebbe raccontato il papà del bimbo di appena due anni, che sta rischiando la vita dopo essere stato aggredito, ieri, da una scrofa a Corcolle, periferia nord est di Roma. Secondo l’uomo, così ha riferito al Messaggero, il piccolo era entrato nel recinto per vedere i maialini appena nati insieme a un altro signore, morto in seguito all’attacco dell’animale, che probabilmente voleva difendere i cuccioli da eventuali minacce. Il bimbo è stato soccorso e accompagnato dalla mamma all’ospedale di Tivoli, i cui medici hanno in seguito deciso il trasferimento d’urgenza prima a Tor Vergata e poi all’ospedale Bambino Gesù. Il bimbo è tuttora ricoverato in gravissime condizioni a causa dei morsi del maiale.

I FATTI

Il fatto è avvenuto nel primo pomeriggio di ieri, domenica 6 ottobre, tra le baracche e le roulotte di una piccola comunità di romeni. I carabinieri della compagnia di Tivoli stanno cercando di accertare se l’allevamento di maiali di via Lunano a Corcolle fosse regolarmente registrato oppure abusivo. Per questo i militari dovranno risalire al proprietario degli animali, ma per il momento ancora non è stato trovato. Stando alle prime ricostruzioni l’uomo ucciso dalla scrofa, un 50enne di nazionalità romena, ha preso in braccio il figlio dell’amico ed è entrato all’interno del recinto per far vedere i maialini appena nati al piccolo. Il 50enne è morto dilaniato dai morsi del maiale, mentre il bimbo, come detto, è tuttora ricoverato in gravissime condizioni all’ospedale Bambino Gesù di Roma.

8 Ottobre 2019
5 Gruppi di camminatori si danno appuntamento a Poli: alla scoperta dei Monti Prenestini
8 Ottobre 2019
Nasce il primo distretto dell’economia civile e sociale: sindaci del territorio a confronto

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *