Un viaggio continuo alla ricerca delle radici di una terra, dei suoi valori e delle sue intime connessioni.

Sanità, la “guerra dei dottori” tra Palestrina, Colleferro e Tivoli: i sindaci si mobilitano

Riceviamo e pubblichiamo una denuncia da parte del sindaco di Colleferro Pierluigi Sanna.

“Da qualche settimana a questa parte notiamo un inasprimento nei rapporti tra gli ospedali di Colleferro, Palestrina, Subiaco e l’Ospedale di Tivoli. Non è una questione di campanilismo bensì di eguaglianza dei cittadini rispetto al diritto alla salute, previsto dalla nostra Carta Costituzionale”dichiara il Sindaco di Colleferro Pierluigi Sanna

Poi aggiunge: “Pochi giorni fa, la direzione della ASL veniva “lapidata sulla stampa” per un medico che lasciava temporaneamente Tivoli; negli stessi giorni a Colleferro,  Palestrina e  Subiaco si incominciavano a scoprire gli altari per vestire quello del nosocomio tiburtino.

Conosco già le vessazioni di questo tipo le quali so essere non condivise dal commissario dottor Quintavalle che ringrazio anzi per il suo equilibrio e la sua disponibilità. Ritengo però che la Regione Lazio debba intervenire rispetto al tentativo accentratore di queste settimane, un tentativo che sta bloccando servizi essenziali e soprattutto l’attività operatoria d’elezione nei nostri ospedali. Girano addirittura voci di riunioni verbalizzate con tanto di firme, nelle quali si affermerebbe che i nuovi  anestesisti possano essere assunti solo su Tivoli poiché, in caso di storno su Colleferro e Palestrina potrebbero “marcare visita” non gradendo la sede e di fatto commettendo un reato. Inutile sottolineare la gravità della cosa se effettivamente corrispondesse a verità. Ho sentito già anche il sindaco di Subiaco col quale abbiamo deciso di richiedere urgentemente al Sindaco di Guidonia la convocazione su questo tema dell’assemblea generale dei sindaci da lui presieduta. Ho provato a contattare già oggi il Sindaco di Palestrina, collega del futuro Polo Unico, affinché possa al più presto dirmi se è disponibile per un’immediata assemblea dei sindaci di tutti i comuni della Valle del Sacco, dei Monti Lepini, dei Monti Prenestini e del Sublacense da tenersi in zona neutra, a Labico.

L’incontro straordinario di tutte le prime autorità sanitarie di questo territorio va naturalmente ampliato a tutti i consiglieri regionali che vorranno parteciparvi ed avrà lo scopo di fare luce su quanto sta avvenendo.