Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer vitae adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget ut, dolor. Aenean massa. Cum sociis pretium qui asem. Nulla consequat massa quis.

Post più letti

Iscriviti alla newsletter
[contact-form-7 404 "Non trovato"]

Todi e Castel San Pietro uniti nel nome di Jacopone da Todi


Domani la firma del patto culturale per una sinergia turistica tra i territori

Todi e Castel San Pietro Romani uniti nel nome di Jacopone da Todi, il più grande poeta del Medioevo. Due comuni dalle storie diverse accomunate da una figura storica e internazionale ancora oggi al centro di numerosi studi accademici. Nasce da questo filo diretto l’idea di un patto di amicizia tra le due comunità fortemente voluto dal sindaco di Castel san Pietro Romano che domani si recherà a Todi per la firma del patto culturale.

Insieme al Sindaco Antonino Ruggiano – dichiara il sindaco Nardi – formalizzeremo ufficialmente il patto culturale di amicizia tra Todi e Castel San Pietro Romano uniti dalla figura di Jacopone da Todi, considerato il più grande poeta del medioevo e prigioniero nel nostro territorio nel 1297. Durante la sua prigionia compose, proprio qui, lo Stabat mater.Una occasione bella di condivisione per avviare uno scambio costante tra due bellissimi territori.Un altro impegno preso per valorizzare la nostra Comunità.

Jacopone fu tra i firmatari del Manifesto di Lunghezza del 10 maggio 1297, con cui gli avversari di Bonifacio VIII, capeggiati dai cardinali Jacopo e Pietro Colonna dichiaravano nulla l’abdicazione di Celestino V e illegittima l’elezione di Bonifacio.

La risposta di Bonifacio VIII non si fece attendere: scomunicò tutti i firmatari con la bolla Lapis abscissus del 23 maggio 1297 e cinse d’assedio Palestrina, la roccaforte dei dissidenti. Nel settembre del 1298 Palestrina fu presa e Jacopone fu spogliato del saio, processato, imprigionato nel carcere sotterraneo del convento di San Fortunato a Todi, da dove continuò a polemizzare nei confronti del Papa, cui chiedeva di essere liberato dalla sola scomunica.

Il suo corpo fu sepolto fuori dalle mura di Todi. Nel 1433 il corpo fu ritrovato e portato nella chiesa francescana di S. Fortunato all’interno della città, dove è ancora presente la sua tomba. Il vescovo Angelo Cesi nel 1596 ha ornato la tomba con una lastra in cui è presente la scritta

16 Luglio 2021
Coronavirus, crescono i contagi. L’appello dei medici di base: “Ragazzi vaccinatevi!”
16 Luglio 2021
A Cave nuova puntata di “Ntogna e Felice” con “Addio sugo”

Sorry, the comment form is closed at this time.