Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer vitae adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget ut, dolor. Aenean massa. Cum sociis pretium qui asem. Nulla consequat massa quis.

Post più letti

Iscriviti alla newsletter
[contact-form-7 404 "Non trovato"]

Un mese dalla riapertura della Roma-Cassino. Cosa è cambiato (per i pendolari)

A un mese dalla riapertura della Roma-Cassino per i lavori di adeguamento e riqualificazione delle infrastrutture della linea ferroviaria, Monti Prenestini è tornato nella stazione di Zagarolo per capire di più cosa è cambiato. Almeno dal punto di vista dei pendolari.

LA SITUAZIONE

Dopo l’iniziale euforia annunciata a colpi di comunicati stampa, con treni in perfetto orario tra arrivi e partenze, riecco i primi guasti e i soliti disagi. Sono almeno 5 gli episodi, tra guasti sulla linea e ai treni, registrati in queste ultime tre settimane. In un caso, martedì 17 settembre, i pendolari hanno dovuto subire disagi non imputabili direttamente alla linea Roma Cassino ma alla Tav, che ha spostato sulle linee locali l’alta velocità lasciando accumulare ore di ritardi per i malcapitati pendolari. E poi ci sono i treni, che non sono cambiato beati. Sui gruppi social, gli utenti continuano a denunciare porte che si aprono alla minima oscillazione, sporcizia e il solito sovraffollamento su persone costrette a sostare in corridoio, su scale e ammassati uno contro l’altro. Insomma i cambiati tanto attesi non sono avvenuti.

CHIAMA L’AGENZIA DI ZAGAROLO
I LAVORI

I lavori, investimento complessivo oltre 16 milioni di euro, sono stati eseguiti da circa 300 persone fra tecnici e operai di RFI e delle ditte appaltatrici. Gli interventi sono serviti per incrementare gli standard di affidabilità e regolarità dell’infrastruttura ferroviaria: rinnovati otto chilometri di binario (rotaie, traverse e pietrisco) tra le stazioni di Valmontone e Colleferro; adeguati i binari nella stazione di Zagarolo, attività propedeutica al rinnovo di sei scambi programmato entro il mese di ottobre; realizzato il rinnovo completo delle strutture di supporto con sostituzione della linea elettrica e svolte attività preventive di contenimento del dissesto idrogeologico».

Leggi anche  Vaccino per over 80, ecco come prenotare

Inoltre è stato realizzato il consolidamento di due cavalcavia e completata la prima fase di intervento per l’incremento prestazionale nelle tre gallerie Colonna, Olmata e Docciarello

IL PERCHÈ DEI LAVORI

Alla base dei lavori c’è la realizzazione del corridoio ferroviario merci Scandinavo-Mediterraneo. È uno dei collegamenti previsti su scala europea per potenziare il mercato interno. Unisce i porti sul Mar Baltico dalla Finlandia e dalla Svezia fino a Malta. Lo fa passando attraverso la Germania settentrionale e collegandola ai centri di produzione della Germania meridionale, dell’Austria e dell’Italia. Dalla Sicilia c’è il collegamento navale fino a la Valletta a Malta.

Su quei corridoi devono poter passare i carri High Cube, sono convogli con sagoma massima di 4 metri d’altezza allo spigolo. Sono in grado di trasportare semirimorchi, container di grandi dimensioni e tir completi di motrice e rimorchio.

I NUMERI DEI PENDOLARI IN PROVINCIA

Oggi i maggiori quotidiani riportano una ricerca con i numeri spaventosi dei pendolari della provincia. Ogni giorno 300mila abitanti dell’hinterland entrano a Roma. Quasi la metà dei 700mila pendolari diretti quotidianamente nella città eterna. E tutti si mescolano al milione e ottocentomila residenti nella Capitale che, a loro volta, circolano in macchina o con i mezzi pubblici per andare a lavoro, a scuola o solo a passeggio. E parallelamente, ogni giorno, 47mila romani fanno il percorso inverso e si dirigono in provincia, dove si sono insediate oltre 140mila imprese. La mattina e la sera, all’ora del rientro, per gli spostamenti tra città e provincia, Roma diventa una giungla. E forse non potrebbe essere altrimenti in un territorio dove, su tutto l’arco della giornata, si registrano circa 7,4 milioni di movimenti. Ma di questi soltanto 1,75 milioni avvengono con i mezzi pubblici: 900mila con gli autobus, 690mila in metropolitana, 160mila con le ferrovie concesse e 220mila con quelle regionali. Il resto avviene in macchina. E sono auto vecchie e inquinanti: appena un terzo ha una motorizzazione Euro 5 e Euro 6, percentuale che non arriva neppure al 25% per i veicoli commerciali. Tutto questo si registra in un’area sterminata, dove gli stalli per parcheggi di scambio sono appena 15mila, i mezzi pubblici (autobus, tram e treni) poco meno di 7.700.

1 Ottobre 2019
La grande stagione del teatro Caesar. Spettacolo e celebrità a San Vito Romano
2 Ottobre 2019
L’AZIENDA DEL MESE – Le 10 nicchie, a Labico un meraviglioso locale scavato nel tufo

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *